Luna del Verme o del Lombrico

luna-del-lombrico

La Luna del Verme, che si verificherà il 25 marzo 2024, è un affascinante fenomeno celeste che trae il suo nome dalle tradizioni popolari legate al cambiamento di stagione. In molte culture, la denominazione “del Verme” deriva dal fatto che con l’arrivo della primavera, il terreno inizia a scaldarsi e i lombrichi emergono dal sottosuolo. Questo evento è considerato un segnale della transizione verso la bella stagione. L’ascesa dei lombrichi attrae i loro predatori naturali, tra cui pettirossi, merli e passerotti, che a loro volta rappresentano un ulteriore segno dell’arrivo della primavera.

La Luna del Verme è particolarmente significativa anche in relazione all’equinozio di marzo, che segna ufficialmente l’inizio della primavera nell’emisfero boreale. Questo periodo è caratterizzato da cambiamenti nella natura e nella vita selvatica, sottolineando l’interconnessione tra gli eventi celesti e la vita sulla Terra.

Un evento correlato è la Luna della Quaresima, l’ultima Luna piena prima dell’equinozio di primavera nella tradizione cristiana. Il nome si riferisce al periodo di 40 giorni che precede la Pasqua, durante il quale i fedeli compiono fioretti, voti e rinunce in preparazione alla celebrazione della Pasqua cristiana.

Inoltre, la Luna piena di marzo è conosciuta con diversi nomi nelle culture di tutto il mondo. Ad esempio, in Cina è chiamata Luna che Dorme, nel mondo celtico è nota come Luna dei Venti, mentre nella tradizione Wiccan è denominata Luna Casta. I Cherokee la chiamano Luna Ventosa, e nell’emisfero sud, alcune culture la identificano come Luna del Raccolto o Luna del Mais.

Questi nomi alternativi aggiungono prospettive uniche alla comprensione della Luna piena di marzo, evidenziando la diversità di interpretazioni culturali legate a questo affascinante fenomeno celeste.